©CSGA Centro Sicurezza "Antincendio e Sicurezza"
         ©CSGA Centro Sicurezza                                                                                                                     "Antincendio e Sicurezza"                                                                                                                           
Carrello

CSGA fornisce ed installa una vasta gamma di prodotti nell’ambito della prevenzione incendi garantendo un tempestivo servizio di assistenza tecnica secondo le normative Italiane, Europee ed NFPA americane.

Con la conoscenza e l’esperienza dei suoi tecnici e Collaboratori, analizza e propone le soluzioni più sicure e vantaggiose per salvaguardare, nel rispetto degli obblighi di legge e del buon senso, l’uomo, l’ambiente di lavoro e gli investimenti. 

L’esperienza maturata negli anni e la sinergia scaturita dalla collaborazione con professionisti di elevata esperienza in tutti i vari settori della sicurezza, ha permesso di proporre una gamma di prodotti e servizi tale da soddisfare qualsiasi esigenza nell’ambito della prevenzione degli incendi.

CSGA Vademecum Manutenzione Lampade Emergenza
Le lampade di emergenza seguono la norma UNI CEI 11222, che le definisce sia in fase di progettazione che di manutenzione. La normativa prevede delle verifiche e manutenzioni periodiche. Le verifiche periodiche sono necessarie a controllare lo stato di funzionamento delle lampade, individuando eventuali anomalie
MOD.001-0A-Vademecum_Manutenzione_Lampad[...]
Documento Adobe Acrobat [419.0 KB]

LA MANUTENZIONE DELLE LAMPADE DI EMERGENZA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DELLE PERSONE 

l'mportanza delle verifiche periodiche,panoramica aggiornata sulla normativa vigente e nuove soluzioni di verifica automatica dell'illuminazione di emergenza.

SOTTO WEBINAR  DEL TECNICO SCHNEIDER ELECTRIC ITALIA S.P.A SUI SISTEMI DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE E CONTROLLO  

LA MANUTENZIONE DELLE LAMPADE DI EMERGENZA

Le diverse fasi di controllo dei dispositivi di illuminazione autonoma : 

La norma CEI UNI 11222 art. 4 prevede di effettuare la verifica di funzionamento delle lampade di emergenza OGNI 6 MESI, e la verifica generale e dell’autonomia OGNI ANNO.

 

LA FREQUENZA delle verifiche dovrebbe comunque essere calibrata in base al tipo luogo in oggetto: la mancanza dell’illuminazione ordinaria all’interno di una sala operatoria, non ha gli stessi effetti che la mancanza di illuminazione in un ufficio al piano terra.

Nello specifico, le verifiche da eseguire dovrebbero essere:

 

 

VERIFICA FUNZIONALE: deve essere verificato che tutti gli apparecchi si accendano in mancanza di alimentazione, che non siano danneggiati e che abbiano tutti i LED e il controllo degli stati funzionanti (LED verde di presenza rete ecc…);

 

VERIFICA DELL’AUTONOMIA: tutti gli apparecchi devono restare accesi il tempo di autonomia previsto, una volta tolta l’alimentazione da rete;

 

VERIFICA GENERALE: Gli apparecchi previsti da progetto sono tutti presenti, non sono coperti da arredi o altro, e le condizioni ambientali non sono cambiate (nuove pareti divisorie ecc.

 

Si ricorda che nel registro deve essere riportato l’esito di ogni lampada di emergenza, a tal fine,

 è consigliata la numerazione delle lampade per una più rapida individuazione.

Tali verifiche devono essere svolte da persone qualificate. 

L’incaricato delle verifiche viene scelto dal datore di lavoro, con la relativa responsabilità.

 

I risultati di tali verifiche devono essere registrati in apposito registro,

secondo la norma CEI 64-8 art 62.1.4 e CEI UNI 11222 art 6; tale registro deve essere tenuto a disposizione dell’Autorità ispettiva, che può richiederlo in qualsiasi momento.

 

Tale registro è richiesto anche dal Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro (DLgs 81/2008 art 64.1 c;- 86 art 15.1 z;- allXXIV art 6.10), e da disposizioni legislative e regolamentari di alcuni luoghi, tra i quali:

 

  • Attività alberghiere: DM 9/4/1994 All. Titolo II art.6

  • Circhi, parchi divertimento ecc DM 19/8/1996 All.art 7.7; 8.5

  • Edifici pregevoli per arte o storia: DM 20/05/1991 n569 art 10 comma 3, art 11 comma 6. DPR 30/06/1992 n418 art 9

  • Edifici scolastici: DM 26/08/1992 All art 12 Impianti Sportivi: DM 18/03/1996 All art 19

  • Locali di pubblico spettacolo: DM 19/08/1996 All art 18.1

  • Uffici: DM 22/02/2006 All art 14 Luoghi di Lavoro:

  • Ex.DM 10/03/1998 All 6 art 6.1 e DLgs 81/2008 art 86 comma 1, All XXIV art 6.10.

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO:

L'illuminazione di emergenza, nelle attività che prevedono un grande affollamento e in tutti i luoghi di lavoro, sono fondamentali per tutelare la salvezza delle persone in caso di emergenza, aiutando anche i soccorritori durante i loro interventi.

L'illuminazione di emergenza comprende quella di sicurezza per le vie d'esodo, quella antipanico in aree estese e quella per le aree ad alto rischio. Affinché gli impianti siano sempre in perfetta efficienza, è necessario programmare degli interventi di manutenzione 

                                                    con frequenza semestrale ed annuale effettuate da una ditta esterna specializzata.

LE MODALITA'

Il servizio di manutenzione delle illuminazioni di emergenza prevede:

  • Uscita dei ns. tecnici formati e specializzati per le visite programmate
  • Verifica della documentazione progettuale e della rispondenza normativa;
  • Verifica dello stato di conservazione delle linee e dei corpi illuminanti;
  • Verifica generale della stabilità di tutti gli ancoraggi;
  • Controllo della funzionalità delle lampade;
  • Controllo dell’efficienza degli interruttori differenziali di protezione delle linee di alimentazione dell’impianto;
  • Controllo delle tensioni delle batterie tampone;
  • Controllo dei reattori dotati di caricabatteria;
  • Consegna della certificazione riguardante gli interventi effettuati, valida ai fini della compilazione del Registro della Sicurezza

SONO ESCLUSI DAL SERVIZIO:

Il servizio di manutenzione dell'illuminazione di emergenza

NON comprende:

 
  • Interventi correttivi, atti a riportare le apparecchiature e l’impiantistica allo stato ottimale di funzionamento, mediante riparazione e/o sostituzione di elettro condotte, componenti ed accessori
  • Materiali di consumo (neon, batterie, ecc.)
  • Interventi di manutenzione straordinaria su Vostra chiamata resesi necessari durante le operazioni di manutenzione programmata.
  • Conferimento dei rifiuti tossici e/o speciali
  • Tutto quanto non espressamente indicato nelle attività comprese.

I RIFERIMENTI NORMATIVI

Il servizio di manutenzione dell'illuminazione di emergenza è regolato dalle norme:

  • UNI 11222: luce e illuminazione - Impianti di illuminazione di sicurezza degli edifici - Procedure per la verifica e la manutenzione periodica.
  • UNI EN 1838: applicazione dell'illuminotecnica - Illuminazione di emergenza
  • Legge 37/08: disposizioni in materia di attività d’installazione e manutenzione degli impianti all'interno degli edifici
  • D.lgs.81/08: testo unico in materia di sicurezza sul lavoro.
  • Ex D.M. 10/03/98 Art. 4: controllo e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio Disposizioni dei costruttori.

LUOGHI DI LAVORO:ESERCIZI E VERIFICHE DELL'ILLUMINAZIONE DI SICUREZZA

 

Sia le leggi /D.LGS.81/08 ARTT.63-80-86, il D.M.37/08 ART.8), sia le norme tecniche (CEI EN 50172, UNI CEI 11222) ed ( UNI EN 1838:2013)  esigono che gli impianti elettrici dei locali in oggetto, oltre ad essere eseguiti in osservanza a soluzioni particolari, siano anche eserciti, vale a dire mantenuti e verificati, secondo criteri rigorosi che ne garantiscono l'affidabilità nel tempo. Tutto ciò che richiede un'organizzazione che si ponga come garante e un insieme di procedure che formalizzino la qualità e le periodicità degli interventi.

Le precauzioni in ordine all'affidabilità degli impianti, dei componenti e dei sistemi elettrici presenti in un locale, richiedono accorgimenti particolari in tema di verifiche iniziali verifiche periodiche esercizio. Il tutto integrato in un sistema più vasto che consenta il mantenimento nel tempo dei livelli di sicurezza pensati e adottati in favore del pubblico e del personale dipendente. Durante l'esecuzione e soprattutto al termine dei lavori l'installatore è tenuto a verificare la corrispondenza degli impianti alla legge e alle norme tecniche, ovvero la loro congruità in relazione al progetto.

 

COLLAUDO DELL’IMPIANTO

Il committente dell'impianto elettrico ha la facoltà, ove lo ritenga opportuno, di farlo collaudare da tecnici di sua fiducia. Ciò non esime l'installatore dal dovere di eseguire le verifiche iniziali previste dalle norme.

 

 

VERIFICATORI

Chi esegue le verifiche deve averne competenza e questa può variare, anche di molto, in relazione al tipo di verifica. Alcune verifiche funzionali di routine si prestano ad essere seguite dal personale addestrato che si trova alle dipendenze del responsabile del locale. Le verifiche strumentali e quelle di spiccato contenuto tecnico devono essere svolte da personale esperto o, meglio ancora, affidate a professionisti esterni del settore. L'identificazione del verificatore - per esempio sulle annotazioni del registro di cui si tratterà tra breve ha lo scopo di correlare l'autorevolezza dei risultati con l'affidabilità e professionalità di chi li ha ottenuti.

 

QUALIFICA DEL PERSONALE

Le persone occupate con funzioni di: esercizio sorveglianza manutenzione dell'impianto elettrico dei luoghi di lavoro devono essere ufficialmente autorizzate (o meglio ancora: specificatamente incaricate di sorvegliare una determinata mansione) e avere la qualifica di persona addestrata.

Nella parte concernente le definizioni, la stessa norma specifica che per "persona addestrata" si debba intendere una persona esperta (PES), oppure una persona avvertita (PAV), in relazione al livello di conoscenza, esperienza e autonomia decisionale, correlate al tipo di impianto e al genere di operazione che è necessario svolgere.

Al di fuori di queste non esistono altre possibilità, almeno per quanto riguarda gli impianti elettrici. Se la persona addestrata è una sola, deve avere la qualifica di PES.
Se le dimensioni o le caratteristiche dell'impianto lo richiedono, può essere coadiuvata da uno o più aiutanti (PES o PAV), uno dei quali (PES) deve essere in grado di sostituirla.
Il personale addestrato deve disporre di tutti gli strumenti utili per la misura, il controllo e la riparazione degli impianti. Un equipaggiamento particolare, oltre ad una procedura altrettanto particolare, si rendono necessari in caso di interventi sotto tensione.

 

DOCUMENTAZIONE DI SUPPORTO

A disposizione del personale addestrato devono esserci gli schemi aggiornati di tutte le parti d'impianto, con l'indicazione della posizione in cui si trovano i vari elementi nell'ambito dei vari locali.

Operazioni di manutenzione

La manutenzione ordinaria è solitamente compito esclusivo del personale addestrato. Per quella straordinaria occorre che il personale stesso, in qualità di PES, sia in grado di valutare la necessità o meno di personale più esperto in materia.

 

VERIFICA ILUMINAZIONE DI SICUREZZA

 Per l‘esecuzione della verifica si devono tenere in considerazione la normativa tecnica, la legislazione vigente applicabile ed eventuali specifiche indicazioni fornite dal costruttore, dal progettista e/o dall’installatore.

Riferimenti legislativi e normativi

  • Legge 1° marzo 1968 n° 186,

  • Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico n° 37 del 22 gennaio 2008

  • Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Decreto Legislativo n° 81 del 9 aprile,

  • UNI EN 1838: “Applicazione dell’illuminotecnica Illuminazione di emergenza”.

  • CEI EN 50172: Sistemi di illuminazione di emergenza

  • CEI UNI 11222: Luce e illuminazione - Impianti di illuminazione di sicurezza degli edifici - Procedure per la verifica e la manutenzione periodica

  • CEI 64-8/5:2012: 56 Alimentazione dei servizi di sicurezza

REGISTRO

Quando previsto il registro deve essere conforme alla legislazione vigente e redatto secondo il punto 6.3 della CEI EN 50172:2006 (“Log book”) con una struttura tale da poterlo utilizzare per più interventi e per più anni. Sul registro devono inoltre essere riportate le seguenti informazioni:

 

  • a) data di messa in funzione dell’impianto di illuminazione di emergenza e documentazione tecnica relativa ad    
  • eventuali modifiche dello stesso,
  • b) numero di matricola o altri estremi di identificazione dei dispositivi di sicurezza,
  • c) estremi di identificazione del manutentore,
  • d) firma leggibile del manutentore.

 

Desiderate Maggiori Informazioni Contattaci

Tel.+39 0583/641322 Fax +39 0583/1801773

email csgafire@gmail.com

Posta Elettronica

 

info@csgafire.it

corsi@csgafire.it

ordini@csgafire.it 

tecnico@csgafire.it 

fornitori@csgafire.it

contratti@csgafire.it

assistenza@csgafire.it

commerciale@csgafire.it

amministrazione@csgafire.it

gdpr@csgafire.it

 

 

Recapiti 

Tel.0583/641322

Fax 0583/1801773

 

Clicca e Chiamaci Skype

I nostri orari di apertura

Lunedì - Venerdì09:00 - 13:00
15:30 - 18:00
Per urgenze e necessità fuori dagli orari Indicati assistenza@csgafire.it

Stampa | Mappa del sito
©CSGA CENTRO SICUREZZA S.r.l.Via Pontardeto N.29 55036 Pieve Fosciana (LU) Tel.0583/641322-Fax. 0583/1801773 Azienda Certificata TUV THURINGER ISO 9001:2015 C.F/P.Iva 02518310467 Azienda Certificata F.GAS 304 FGAS 2067 - D.P.R.37/2008.